Limite contanti

NUOVO LIMITE CONTANTI 2022

Dal 1/1/2022 è vietato il trasferimento di denaro contante a qualsiasi titolo ossia viene posto un limite contanti. A partire da questa data sia persone fisiche che giuridiche, non potranno trasferire somme di denaro contanti per importi pari o superiori a 1.000 euro. Il limite passa infatti dai 1.999,99 euro ai 999,99. Questo significa che non solo l’acquisto di un bene o la prestazione di un professionista ma anche una donazione o un prestito a un figlio per una cifra di almeno 1.000 euro dovrà essere giustificato ed effettuato con un tipo di pagamento tracciabile, come un bonifico. Il trasferimento superiore al predetto limite contanti è vietato anche quando è effettuato con più pagamenti, inferiori alla soglia, che appaiono artificiosamente frazionati.
Nulla cambia, invece, per quanto riguarda invece prelievi e versamenti in banca, poiché non si tratta di trasferimenti di denaro tra due soggetti diversi ma di movimenti che interessano una sola persona.
La stretta sui contanti riguarda anche gli esercenti che, da oggi, dovranno accettare bancomat e carte di credito per qualsiasi spesa. Quindi non basterà più rispettare l’obbligo di avere il Pos: chi non lo utilizza pagherà una multa proporzionata al valore della transazione negata. Finora c’era l’obbligo di averlo, ma non la multa per chi non lo voleva usare. Ora si cambia con sanzioni per chi rifiuta i pagamenti con Pos. Il negoziante o il professionista che non dispone di un Pos o non lo usa verrà quindi punito con una sanzione amministrativa di 30 euro più il 4% del valore della transazione rifiutata.