OMAGGI AI CLIENTI

Durante le festività, in particolare quelle natalizie, imprese e professionisti si trovano spesso a fare degli omaggi per promuovere l’immagine dell’azienda. Alle spese per omaggi è riservato un trattamento fiscale particolare. Il principio generale da tenere ben presente è il limite dei 50 euro di costo unitario, che ha valenza sia ai fini di detraibilità dell’Iva che di deducibilità del costo.

Possiamo riassumere la norma nel seguente modo:

BENI DI COSTO UNITARIO TRATTAMENTO IVA TRATTAMENTO REDDITI
inferiore ai 50 euro detraibile Deducibile
superiore ai 50 euro indetraibile PER LE IMPRESE

 

deducibile (quale spese di rappresentanza) per il 75%, nel limite annuo di:

·* 1,50% su ricavi e proventi fino    a euro 10 milioni

* 0,6% per la parte eccedente i 10 milioni fino a 50 milioni

* 0,4% per la parte eccedente i 50 milioni

PER I PROFESSIONISTI

· 1% dei ricavi per i professionisti

Prendiamo in esami i casi più frequenti in questi giorni:

1.l’acquisto di cesti natalizi;

2.l’acquisto di alimenti e bevande;

3.cene e pranzi natalizi

1. Per quanto riguarda l’acquisto di cesti natalizi, il limite di € 50,00 va riferito al costo  dell’intera confezione e non a quello dei singoli componenti, di conseguenza è indetraibile l’IVA relativa all’ acquisto di un cesto regalo di costo superiore a € 50,00 ed il costo è deducibile per il 75% nel limite dei ricavi; al contrario è detraibile l’IVA e deducibile il costo relativo all’acquisto di un cesto regalo di costo non superiore a € 50,00.

2. Per ciò che riguarda l’acquisto di alimenti e bevande (spumante, panettone, torrone, ecc.), l’Amministrazione Finanziaria ha riconosciuto la detrazione dell’IVA purché gli stessi siano di costo unitario non superiore a 50,00 euro e rientrino fra le spese di rappresentanza.

3. Infine, per quanto riguarda le cene natalizie è importante sottolineare che non rientrano tra le spese di rappresentanza, e pertanto sono interamente deducibili, se alle stesse siano presenti  esclusivamente dipendenti dell’impresa” (CM 34/2009);  se, in caso contrario la cena o evento è organizzato anche con terzi (clienti, istituzioni, ecc.), rientra tra le spese di rappresentanza e ne consegue che il costo (75% della spesa) è deducibile nel limite dell’ammontare massimo deducibile nell’anno e l’IVA è indetraibile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.